Untitled-4
Variazioni di bilancio a ferragosto ? Un vizio raramente ammissibile

Variazioni di bilancio a ferragosto ? Un vizio raramente ammissibile

Territorio \ Scritto da il \ Stampa il PDF

Siamo a Livorno. Sede dell’amministrazione provinciale. E’ agosto, il consiglio va in ferie fino a metà settembre e un po’ di distrazione, in questo periodo, viene spesso data per scontata. La dà per scontata anche la giunta provinciale. Essa sa fra l’altro che, in circostanze particolari, può usare i poteri del consiglio, se questo ha difficoltà a convocarsi. E pensa di farlo.
Distratto non è però, neanche in questo periodo agostano, Alessandro Corsinovi, vice presidente vicario del consiglio provinciale e socio Adc, che scopre una operazioncina in corso, dal carattere metodologicamente poco lodevole: una nuova variazione al bilancio provinciale, dopo che un’altra ne era stata fatta a fine luglio per un valore di ben quattro milioni e mezzo di euro, sul preventivo 2013.
La giunta, formata da partito Democratico e Italia dei Valori, e appoggiata da Sel, non si accontenta in effetti di poco: dentro i quattro milioni e mezzo di euro di variazione ci sono voci di ogni tipo, acquisti di beni e attrezzature, automezzi, trasferimenti alla società Provincia Livorno Sviluppo, e a soggetti terzi, di prestazioni di servizi per svariati progetti comunitari, spese di missione e incarichi professionali esterni…
Difficile, per la opinione pubblica, rendersi conto di quanto sta accadendo nel corso di questa operazione: il 14 agosto, infatti, le schede allegate all’atto deliberativo di variazione sono già scomparse dall’albo pretorio inlinea, per finito periodo di pubblicazione. Formalmente, nulla di ineccepibile: nella sostanza, il comportamento suona come una evidente scorrettezza nei confronti del consiglio e della opinione pubblica. Il ruolo del consiglio provinciale, infatti, quale è? Di sola ratifica senza discussione? E tutte quelle spese avevano davvero il carattere della necessità e urgenza tale da spingere a utilizzare i poteri del consiglio senza attendere quest’ultimo? Sembra difficile sostenerlo. In fondo, si trattava di un mese.
Amministrare con qualità pensiamo che significhi un’altra cosa.

La Discussione

Articoli Correlati