Meditare Montini Per l’unità politica dei cattolici?

Dibattito \ Scritto da il \ Stampa il PDF

Se esiste una sola possibilità di creare in senso moderno una rinnovata presenza politica dei cattolici nel contesto deteriorato della politica Italiana, essa deve essere senza indugio esplorata.  Il  tentativo non solo è moralmente lecito e doveroso, ma raggiunge quasi l’imperativo per chi non si rassegna al comune smarrimento ed alla sfiducia. Quali alternative abbiamo?

Meglio, quale alternativa possiamo offrire a chi – dopo di noi – dovrà scegliere tra l’astensione dalla partecipazione civile ed il mescolarsi, chinando il capo, tra decine di “tiranni” che di certo non hanno a cuore il primato della persona e della vita – a destra come a sinistra – ma l’affermazione di modelli culturali che contengono dottrine economiche fallimentari alla luce della crisi in atto e costumi pubblici volti alla dissoluzione del messaggio cristiano?

La sola via percorribile, data l’esiguità delle forze e delle risorse a nostra disposizione, mi sembra quella di ripartire dalle associazioni e dai movimenti cattolici, attraverso una costante azione di persuasione e testimonianza capace di ingrossare le fila della nostra area di riferimento.

L’impressione, però, è di un’azione tenace, assidua, ma legata all’iniziativa di ancora pochi ed isolati attori. Pochi sono coloro che nel concreto spendono tempo e risorse per il rilancio del progetto Popolare. Troppi appaiono disillusi… ed altrettanti illusi, da Renzi o dal timido Alfano.

Rompere questo schema non è più una possibilità ma un dovere. Vincere le resistenze anche di una certa gerarchia vaticana al cambio di mentalità in relazione alla cosiddetta “unità politica dei cattolici è anch’esso uno scoglio urgente.  Se proprio il Papa ci richiama alla testimonianza ed alla partecipazione, attraverso la Evangelii Gaudium, quale occasione migliore per rimboccarci le maniche?

Vorrei dire che a noi serve un nuovo Montini.  Solamente se saremo capaci di trovare un fedele interprete di questo illustre predecessore avremo speranza di vedere rinascere una nuova esperienza politica unitaria dei cattolici popolari. Non ci mancano i valori o le idee, ma la consapevolezza di noi stessi e la capacità di tradurre in prospettiva durevole un cammino che vive ancora di passi stentati.

La Discussione

Articoli Correlati