camera
La necessità di un nuovo percorso con una visione di più ampio e lungo respiro

La necessità di un nuovo percorso con una visione di più ampio e lungo respiro

Politica \ Scritto da il \ Stampa il PDF

Superata l’emergenza politica che ha fatto temere la caduta del governo Letta, si evidenzia più che mai la necessità  di ripartire, di rimboccarsi le maniche e di affrontare sinceramente e seriamente l’ostacolo di approvare una nuova legge elettorale capace di definire il peso delle rappresentanze politiche e garantire la stabilità di governo del paese.

Non è un compito facile, soprattutto per il fatto che di fronte si ha una società  che appare enormemente sfiduciata nei confronti della politica.

 Bisogna che si avvii un percorso che tenda a colmare la distanza tra ciò che la politica dovrebbe essere e ciò che è diventata.

 I sintomi del malessere sono conosciuti: la crisi dei partiti, la debolezza delle classi dirigenti, il malaffare, le commistioni tra interessi privati e funzioni pubbliche, ma anche le difficoltà  della politica a insediarsi in uno spazio sociale oggi invaso dall’economia e dalla tecnica.

 Non si uscirà  dalla crisi se non si cercherà , da parte di tutti e in primo luogo dei partiti, di uscire dalla pochezza della immaginazione politica, per assumere una visione di più ampio e lungo respiro, capace di ricostruire una società  veramente alternativa: capace di guardare alla condivisione piuttosto che al possesso, all’avvicinare piuttosto che al dividere, al servire piuttosto che al comandare in nome dell’arrivismo e del potere.

La Discussione

Articoli Correlati