dal punto di vista… dott. Giuseppe Ecca

Dibattito \ Scritto da il \ Stampa il PDF

Caro Alberto e cari amici,

mi scuso con te e con tutti se non ho capito tutto di quanto siete venuti operando in questi mesi piuttosto confusi per tanti di noi.

Non intendo né appartenere a queste logiche, né entrare in polemica con alcuno. Alberto, nessuno, ma proprio nessuno, mi ha mai detto, e non ha detto pubblicamente, che la Dc aveva un suo sito con terminazione “punto cloud”. Semplicemente, non l’ho mai saputo. “Correva voce” che a qualcuno Gianni lo avesse detto, e questo modo di fare non va assolutamente bene, per nessuno di noi.

Decidete il sito che volete, ma fatemelo e fatecelo sapere ufficialmente. Il resto è indegno.

Io avevo conosciuto (e impiantato su richiesta di Gianni) quell’altro, e lì ero rimasto.

E lì, Alberto, ho pubblicato niente affatto “un comunicato a firma di Giuseppe Ecca e Roberto Paolucci” (che titolo ho di farlo?) ma semplicemente una mia nota personale di riflessione rispettosa e chiara per tutti.

Non tirarmi dentro un linguaggio polemico o divisivo, Alberto, perché sono e resterò lontano da queste cose umilianti e dannose. Non mi piace questo stile, non mi piace quasi nulla di ciò che sta accadendo fra noi e intorno a noi. Le responsabilità… beh, penso che ognuno debba mettersi una mano sulla coscienza, secondo il suo ruolo. Compreso me. Anzi, a cominciare da me. Ma non tiratemi in mezzo a questo vostro modo di procedere, perché, Alberto, non lo condivido, non mi piace, credo che sia ingiusto, che danneggi tutti e soprattutto danneggi i nostri ideali e il pensiero di ciò che vorremmo fare per il paese.

Non sono quasi mai intervenuto in pubblico perché nella vita mi occupo soprattutto di studio e formazione. Ma l’ultima volta che ho chiesto di intervenire non mi è stato concesso perché l’assemblea era diventata quasi una rissa disordinata e maleducata. Incivile ed indegna e scandalosa per qualunque persona di buona e onesta fede. Figuriamoci per il paese cui vogliamo dare un messaggio nuovo.

Decisamente prendo le distanze da tutto questo. E valga per oggi e per domani.

Agli amici con i quali tanto ho parlato in tanti anni dei nostri ideali continuo a parlare con lo stesso tono proponendo le stesse cose. Se sbaglio, lasciatemi perdere ma non chiamatemi in causa per un livello così miserabile di dibattito e schermaglie come quello cui sto assistendo. Agli amici che lo desiderano continuerò a parlare nello stesso modo degli stessi ideali. Anzi, lo farò con più libertà, a titolo esclusivamente personale, senza volerne a nessuno ma certo senza essere prigioniero di nessuno e di alcunché. Sia chiaro anche per il futuro. E lo farò senza chiedere il permesso ad alcuno. Se la Dc per voi è quella che sto vedendo, tenetevela. La vedo tristemente degna di quella che si suicidò. Per me è un’altra. E’ decisamente un’altra, Alberto. E terrò fede a quella.

Con sincerità e amicizia non retorica, un rinnovato augurio di Buone Festività e di Buon 2018, a te ed a tutti voi.

Giuseppe Ecca.

La Discussione

Articoli Correlati